martedì 26 settembre 2017

Di compiti, lezioni e di una mamma irresponsabile


Ripresa la scuola sono ripartiti, come da copione,  i messaggi del gruppo classe su WA …L’argomento più gettonato, che batte persino il tema “vaccinazioni”, è quello dei compiti … sì perché quest’anno i pargoli sono in quinta, l’insegnante prevalente è cambiata: dopo che ogni anno se ne studiavano le curve e il colorito per capire se aumento di peso o dimagrimento  o  pallore potevano essere indice di una gravidanza, la titolare ha beffato tutti,  si è sposata ed ha seguito l’amore all’altro capo della penisola  e i compiti assegnati dalla nuova insegnante sono pochi,  davvero pochissimi, troppo pochi e l’anno prossimo i pargoli saranno alle medie, dove la musica (“cara mia tu non lo sai perché non hai altri figli …”)  è ben diversa…
Qualche mamma più seria, coscienziosa e responsabile di me sta assegnando da sola  esercizi aggiuntivi al pargolo che così si allena….
Io ho silenziato il “gruppo classe” e  mi godo questi ultimi giorni in cui non siamo ancora a pieno regime, riordino i ricordi e ripenso a quello che mi resta di  quest’estate, partita male e raddrizzata in corsa, in cui abbiamo studiato, con profitto,  a pochi kilometri da casa e lontano mille miglia, storia dell’arte, architettura, scienze naturali, astrofisica, geografia, ingegneria, lingue straniere  ......


....e cucina gluten free.

Sì, perché la scuola della Pulce ha portato per la famiglia Fiordisambuco anche nuove amicizie , un paio delle quali mi hanno richiesto di mettermi in gioco dal punto di vista della cucina : per ora mi sono misurata solo con ricette nelle quali la farina “normale” era richiesta in misura minima e quindi la sua sostituzione con la farina di riso o la fecola di patate è passata quasi inosservata.
Queste tortine, preparate ovviamente in piena estate, hanno riscosso un  buon successo e sono state replicate sostituendo le albicocche con le prugne che  - però – devono essere dolci e ben mature

TORTINE ALL'ALBICOCCA

Ingredienti

4 albicocche mature
60 grammi di farina di riso sottilissima
60 grammi di farina di mandorle
2 uova
30 grammi di burro
6-8 cucchiai di panna liquida
60 grammi di zucchero
1/2 cucchiaino di lievito per dolci

Procedimento 

Lavare ed asciugare le albicocche, dividerle a metà eliminando il nocciolo e  posizionare ogni mezza albicocca al centro degli stampini da crostata del diametro di  6/8 cm rivestiti di carta da forno.
Montare il burro ammorbidito con lo zucchero, quindi aggiungere le uova e, quando queste sono amalgamate, unire la farina di mandorle, la panna a filo e, alla fine, la farina di riso con il lievito.


Mescolare per ottenere un impasto morbido ed omogeneo e versarlo negli stampini.


Cuocere in forno già caldo per una mezz'ora. 
Sfornare e lasciar raffreddare completamente, quindi capovolgere le tortine sui piattini da dolce, eliminare la carta forno e spolverizzare con lo zucchero a velo.


Nota a piè di pagina n. 1: fare attenzione che zucchero a velo, lievito, farina di mandorle e farina di riso siano tutti contrassegnati come privi di glutine.

Nota a piè di pagina n. 2: nella versione autunnale profumare  le prugne con un pizzico di cannella.

Nota a piè di pagina n. 3: non giudicatemi troppo male per la mia incoscienza di fronte ai compiti e per la concomitante insofferenza verso i commenti delle mie colleghe mamme... è solo  che che cerco di non aggiungere altri problemi a quelli che già devo affrontare e se i compiti sono pochi, lascio che la Pulce si goda i suoi dieci anni il più serenamente possibile....

Nota a piè di pagina n. 4: la ricetta è un adattamento di quella letta su uno degli ultimi numeri della rivista che spetta ai clienti del supermercato con la consonante luuuuunga

venerdì 11 agosto 2017

Di libri, ricordi e focacce



Quando ero bambina, qui non si parlava  di biblioteca pubblica  nè di punto prestito.
Una volta esauriti i libri ricevuti in regalo per Natale ed il compleanno,  io - che passavo l'estate tuffata non nel mare, ma tra le pagine di un romanzo e che mi divertivo anche con l'influenza perchè era assicurato, come consolazione, un numero speciale di Topolino - dovevo ingegnarmi.... scatoloni di giornalini (Topolino era il mio preferito) che il figlio di qualche amico di famiglia, ormai cresciuto, scartava,  i classici per ragazzi ereditati dai miei genitori (tra cui un "David Copperfield" in edizione ridotta e un volume di "Piccole donne crescono" letti e riletti fino a ricordarmi ancora oggi, rispettivamente,  la scatola da cucito di Pegotty e la disastrosa gelatina di ribes di Meg giovane sposa) e scambi con le amiche....
Soprattutto A, figlia di una cugina di mio padre, aveva una libreria, nella casa della nonna, a cui io attingevo a piene mani ...nessuno, tra i libri che mi ero portata a casa da quegli scaffali  mi era piaciuto di più di uno dei classici per ragazzine della Alcott..... quanto ho sognato sulle pagine di Rosella!
La storia dell'orfana malaticcia che rifiorisce  sulla "collina delle zie" mi affascinava, forse perchè io non avevo tutti quei cugini maschi con cui scorrazzare (solo due, più piccoli, che abitavano a Milano e che vedevo raramente ... in fondo erano loro i palliducci mentre eravamo noi tre fratelli i sani bambini di campagna...) o forse perchè le zie assomigliavano un po' alle cugine di mio padre, una vedova, una zitella, una severa, una più materna, o forse ancora perchè  mi sarebbe piaciuto avere uno zio come Alec Campbell, saggio dispensatore di consigli (e di pillole fatte di pane... ), organizzatore di sorprese e di esperienze avventurose
Quel romanzo mi è capitato tra le mani qualche tempo fa, in una traduzione così leziosa da renderlo insopportabile eppure... eppure un po' ancora mi ha catturato e nella banda di cugini che  si accampa sull'isola  e dorme in tenda, per rallegrare la pallida Rosella,  un po' ho visto la Pulce e i suoi cugini  .... anche se non sono otto e  non vivono in grandi ville in collina, ma provano comunque l'ebbrezza della notte in tenda (nel giardino della zia), si scatenano in una piscinetta profonda 70 cm che a loro sembra l'oceano e fanno merenda  in fretta e furia per poter tornare a giocare.....

Focaccia per la merenda

Ingredienti


500 grammi di farina bianca 00
1 cucchiaio di zucchero semolato
1 cucchiaimo di sale fino
1 bustina di lievito di birra liofilizzato (o un cubetto di quello fresco)
350 grammi di acqua appena tiepida (appena morta avrebbe detto mia madre...)
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva 

per la farcitura
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 cucchiai di acqua
1 cucchiaino raso di sale fino
1 cucchiaio di sale grosso

Procedimento

In una ciotola capiente mescolare farina, sale, zucchero e lievito e formare un bel cratere al centro; mescolare l'acqua tiepida con l'olio e versare nel cratere. Mescolare con un cucchiaio, portando la farina verso il centro fino a che è tutta incorporata, formando un impasto sodo ma appiccicoso e non maneggiabile....

Sigillare la ciotola con la pellicola e lasciar riposare fino a che raddoppia di volume e si riempie di bolle: con il caldo della scorsa settimana un'ora abbondante è bastata....di solito ci vuole un'ora e mezza  - due ore.
Rivestire una teglia  con la carta da forno e spennellarla con poco olio (un paio di cucchiaini) e rovesciarvi l'impasto, allargandolo poi delicatamente con le mani  unte di olio, senza preoccuparsi di farlo arrivare ai bordi della teglia.


Lasciar riposare coperto per una mezz'ora; a questo punto l'impasto è così docile che si allarga quasi da solo ad occupare tutto lo spazio disponibile o al massimo basta aiutarlo con le mani unte di olio usando la punta della dita. Sempre con la punta delle dita formare tante fossette sulla superficie (importante perchè è lì che si accomoderà il condimento!)


Lasciar riposare ancora pochi minuti e preparare nel frattempo la farcitura, mescolando in un ciotolina l'acqua con l'olio e il sale fino e  versarla  sulla superficie facendo in modo che riempia tutte le fossette. Cospargere con il sale grosso e infornare a forno alla massima temperatura; lasciar cuocere per una ventina di minuti fino a che la superficie è dorata: non è difficile capire quando è pronta.... basta guardarla!

Calda è uno spettacolo da sola o con una fettina di salame o di mortadella...ma io, che amo il contrasto dolce-salato, non mi vergogno di gustarla con un filo di marmellata  casalinga, preparata in fretta e furia per far fronte a una spesa poco oculata di pesche romagnole che mi chiamavano come sirene.

Nota a piè di pagina n. 1: la dose usata in questa occasione è in realtà di 750 grammi di farina (e il resto di conseguenza), perchè ho preparato anche una piccola focaccia con il rosmarino..basta cospargere la superficie, oltre che con il sale grosso, anche con un po' di rosmarino fresco e profumatissimo.

Nota a piè di pagina n. 2: gli scambi di libri con le amiche continuano, ma devo ringraziare soprattutto i ragazzi della biblioteca, miei fornitori ufficiali di libri in ogni stagione.... non sono tipo da ebook io... preferisco ancora sfogliare le pagine di carta, magari vissute come quelle di "Fragole a merenda" di Sabrine d'Aubergine, decorate da qualche ditata di unto o con uno sbaffo di cacao ...  da quel libro ,che non è solo un ricettario,  viene anche  questa ricetta della "focaccia che non dovete impastare" sfornata più volte e sempre con successo,  con un solo aggiustamento ... 500 grammi di farina 00 anzichè 450 grammi più 50 grammi di farina di grano duro, unicamente perchè di quest'ultimo tipo di farina non ne ho mai in casa.


 Nota a piè di pagina n. 3: questa è l'edizione che, ai bei tempi, avevo letto io